Domani

Come una promessa, nutre e inganna, indossando l’abito più bello, quello dell’ignoto.

E’ la speranza, quell’emozione senza fine.

Sorregge l’animo, illuminandolo.

E’ un dono prezioso.

In cambio non chiede nulla, o quasi.

La mente acuta, d’altronde, tra le righe sa.

Pur essendo i destinatari di una generosità infinita, un presupposto c’è.

Ogni domani che viene concesso reclama in cambio un giorno del nostro tempo.

Impone fretta ai nostri desideri, fermi lì, tra le carte di un pensatoio che rimanda.

Il domani, con il suo lento, costante ed infinito incedere, impoverisce il nostro tempo.

Si avvale di un colto alleato, il verbo fare, al modo indicativo, tempo futuro.

Farò.

Mariapiera Miele

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...