Un sospiro di sollievo

Mentre osservo per l’ultima volta il mare giocare con la luce del tramonto, circondata dall’allegro vociare del popolo del lungomare, la tristezza e la gioia fanno a gara per emergere. Il tormento, quell’atroce emozione che accompagna la fine dell’estate, mi dona quel senso di impotenza di chi vorrebbe fermare il tempo ma non può, tornare indietro mille volte, pur sapendo che, presto o tardi, l’istante da cui fugge busserebbe nuovamente con in mano il vassoio della “routine”, scarno e privo di qualsivoglia addobbo. I buoni propositi fanno capolino, con l’intento di alleviare l’inevatibile, ma è sempre troppo poco. La quotidianità avrà la meglio, cancellando l’incatesimo delle emozioni che provo adesso. Poi, all’improvviso, un pensiero inaspettatamente si affaccia, riuscendo quasi a scacciare il tormento.
“Ho trascorso un’estate in un luogo che sembra creato apposta per me. Ho fatto scorta di sorrisi che hanno illuminato le mie giornate. Ho osservato da dentro lo scorrere di una vita lenta. Ho regalato ai miei occhi l’azzurro del mare più bello. Ho imparato parole nuove, che userò quando le mie non basteranno più. Può tutto questo, adesso, darmi tormento?”
Non può.
A sorpresa, le sensazioni che quest’estate mi ha donato, sono le stesse che mi hanno salvato.
Nella gara tra la tristezza e la gioia, ha vinto la scoperta.

Mariapiera Miele

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...